Visita sportiva: cosa succede per chi ha contratto il Covid

12 Dicembre 2020

A titolo divulgativo, pubblichiamo di seguito quanto comunicato dal Servizio di Medicina sportiva dell’ASL Cuneo 1 in merito alle prescrizioni sulle visite mediche per quegli atleti agonisti che abbiano contratto il Covid-19. Il testo, a seguito di una prima pubblicazione il 10 dicembre scorso, è stato recentemente aggiornato e contiene ulteriori dettagli sulle procedure dedicate per gli atleti non professionisti.


In data 11 dicembre 2020, la Federazione Medico Sportiva Italiana ha pubblicato i “Protocolli per l’idoneità e la ripresa all’attività sportiva agonistica in atleti non professionisti post Covid-19″ (si allega in calce il documento in formato pdf con i relativi allegati, ndr). Questo documento specifica quali accertamenti debbano essere effettuati in atleti agonisti dilettanti che siano risultati positivi all’infezione da SARS-CoV-2 e prevedono una graduazione degli stessi basata sulle manifestazioni cliniche presentate dall’atleta.
In tutti i casi è previsto che l’atleta sia clinicamente guarito, cioè abbia eseguito un TAMPONE MOLECOLARE risultato NEGATIVO, di cui dovrà essere prodotta la certificazione, in occasione della visita. La valutazione idoneativa potrà quindi essere effettuata trascorsi 30 giorni dall’avvenuta guarigione secondo le modalità dettagliate nel documento allegato. Si ritiene utile sottolineare che nel caso di atleta asintomatico, ancorché con tampone risultato positivo, o con sintomatologia lieve (febbre, tosse, alterazione dei gusti, malessere, cefalea, mialgia, ma in assenza di dispnea e alterazioni radiologiche), il protocollo prevede:
1. Test ergometrico incrementale massimale con monitoraggio elettrocardiografico e valutazione della saturazione di O2 a riposo, durante e dopo il test;
2. Ecocardiogramma color doppler;
3. Esame spirometrico con determinazione di: capacità vitale forzata (FVC), volume espiratorio forzato al primo secondo (FEV-1), indice di Tiffeneau, Picco di flusso espiratorio e flussi a volumi intermedi e massima ventilazione volontaria (MVV)
Di questi accertamenti solo l’ecocardiogramma color doppler non potrà essere eseguito in sede di visita presso la Struttura di Medicina sportiva ASL Cn1; la richiesta per tale accertamento verrà effettuate dal medico visitatore mediante impegnativa regionale e sarà quindi dovuta la quota relativa alla compartecipazione alla spesa (ticket).
Gli ulteriori accertamenti richiesti in caso di manifestazioni cliniche più severe sono elencati nel protocollo allegato.
In ultimo, va ricordato che il medico visitatore potrà richiedere ulteriori accertamenti aggiuntivi, basandosi sui rilievi clinico-strumentali emersi alla visita.


ALLEGATO – Il protocollo della FMSI

ACP_PDF 2_file_document protocollo_idoneita_non-prof_20201211-def

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 Monregale Calcio | P.IVA 02402790048
×