A. B. Ceva 1 - 3 Monregale

8 April 2018 - 15:00 at Riera

Bentornato sorriso

La Monregale interrompe una brutta sequenza di sconfitte e spazza via la negatività che rischiava di fare breccia nell’ambiente con un bel successo a Ceva. Ambiente caldo, partita complessa – al di là della rivalità campanilistica mai sopita tra Monregalese e Cebano – , contro un avversario che sta disputando un campionato eccellente: in più, ai soliti problemi di organico si aggiunge la tegola dell’ultimissimo minuto, con Barberis che si ferma e lascia spazio a Mazouf, in campo con la maglia numero 17. Nel corso della partita, ancora un esordio per un ragazzo classe 2000: Federico Martinetti gioca uno scampolo di match nei convulsi minuti finali.
Già detto del forfait improvviso ed inaspettato di Barberis, con Griseri squalificato mister Enrici propone una linea di difesa con Sampò, Gasco, Cuniberti e La Sala; a centrocampo da destra a sinistra Mazouf, Tomatis, Lucchino e Cavallo; in avanti il rientro di Leo Jaku al rientro dopo la squalifica, partner di attacco di Lugliengo.
Il Ceva comincia decisamente meglio, più brillante, rapido, incisivo: primo affondo al quarto d’ora con un traversone dalla tre quarti sinistra, doppia svirgolata dei centrali di difesa ospiti, Bagnasco si trova la palla del vantaggio sul secondo palo ma calcia clamorosamente a lato; al 22′ altra grossa occasione per i locali: ancora un lancio lungo centrale sorprende il pacchetto arretrato monregalese, Salvatico si trova a tu per tu con Gonella, prova il tocco di fino ma il suo pallonetto viene allontanato nei pressi della linea di porta da un grande intervento di Valerio Cuniberti. Al 26′ il vantaggio cebano: calcio di punizione dalla tre quarti sinistra, palla profonda ai limiti dell’area piccola, Gonella non azzarda l’uscita, Salvatico si sgancia dal suo marcatore e spizzica la palla di testa quel tanto che basta per insaccarla in rete. La Monregale sembra scossa e stuzzicata dal gol, ed abbozza una reazione, seppur poco incisiva: alla mezz’ora da segnalare un debole colpo di testa di Cavallo, facile preda di Pagotto; 2′ dopo un’azione ben costruita palla a terra porta all’inserimento da sinistra di La Sala, palla sul destro, tiro troppo debole per impensierire il portiere avversario. La Monregale lamenta anche la mancata concessione di un calcio di rigore su Mazouf al 40′: l’esterno ospite va via dal lato corto dell’area e sembra che la spinta di Accomo sia da sanzionare, ma l’arbitro non è dello stesso avviso. Allo stesso modo, il Ceva lamenta un sospetto “mani” in area monregale a pochi attimi dalla fine, su cross di Stirianotti.
Nella ripresa la Monregale si rimbocca le maniche e ribalta il risultato, anche se sono i padroni di casa ad avere un match ball a pochi minuti dal fischio di ripresa del gioco: errore in disimpegno in uscita della Monregale, rimpallo che favorisce la penetrazione in area da sinistra di Rozio, diagonale respinto a terra da Gonella. Al 7′ il pari con una dinamica simile alla rete vista nel primo tempo: punizione dalla sinistra, deviazione vincente di Lugliengo e 1-1. Ora sono i ragazzi di Enrici che sembrano “averne” di più, il momento è favorevole e al 19′ tutto si ribalta: questa volta l’errore lo commette il Ceva, Mazouf si infila tra le linee e si presenta a tu per tu con Pagotto che lo stende; calcio di rigore che Jaku trasforma tornando al gol e regalando il vantaggio ai suoi. Partita che a tratti diventa una battaglia, il Ceva si spinge in avanti più con il cuore che con la ragione, e al 38′ va vicino nuovamente al pari: ripartenza che innesca Bagnasco, un paio di rimpalli vinti, palla che schizza all’indietro su Salifu, sembra fatta ma ancora Gonella ci mette una pezza e respinge. Ancora qualche contatto ruvido, un po’ di mischie, e poi al 51′ Serra  parte in contropiede e con freddezza la chiude in diagonale per l’1-3 finale.
Un po’ di maretta tra gli spettatori nei minuti finali (episodi isolati di insulti pesanti e gratuiti nei nostri confronti, “rei” di aver sostenuto la nostra squadra ed esultato ai gol…) non guasta la gioia per tre punti di importanza fondamentale per la Monregale. Fondamentali non solo ai fini della classifica, ma anche per un umore che nei giorni passati stava assumendo preoccupanti sfumature grigiastre. Uscendo vittoriosi dal “Riera”, si ritorna a “costruire coi mattoncini”, come ama sottolineare mister Enrici.

CEVA (4-3-3): Pagotto; Stirianotti, Bado (25′ st Salifu), Accomo, Vizio; Rozio, Barbero, Raineri; Bagnasco, Salvatico, Massa Boa (30′ st Damnjanovic). A disp. Zoppi, Ansaldi, Bouras, Vinai. All. Bettin.
MONREGALE (4-4-2): Gonella; Sampò, Gasco, Cuniberti, La Sala; Mazouf (35′ st Serra), Tomatis, Lucchino, Cavallo; Jaku, Lugliengo (41′ st Martinetti). A disp. Turco, Daziano, Capellino, Miha. All. Enrici.
Arbitro sig. Omar Giaveno di Pinerolo.
Reti: pt 26′ Salvatico (C ); st 7′ Lugliengo (M), 19 rig. Jaku (M), 51′ Serra (M).
NOTE: spettatori 200 circa. Ammoniti Stirianotti (C ), Cniberti, Lugliengo, Mazouf, Cavallo (M). Tempo di recupero: pt 0′, st 4′.

Free Download WordPress Themes
Download Premium WordPress Themes Free
Premium WordPress Themes Download
Free Download WordPress Themes
free online course
download redmi firmware
Premium WordPress Themes Download
lynda course free download
×