Monregale 1 - 0 Olimpic Saluzzo

11 December 2016 - 14:30 at Piero Gasco

Ritorna il sorriso

Partita vinta – come direbbe qualcuno – con la forza dei nervi distesi. Non è la prima volta che la Monregale dimostra il giusto equilibrio nel gestire partite complicate come quella di oggi con l’Olimpic Saluzzo. Il gol dopo pochi minuti non sempre mette le squadre nelle condizioni più agevoli per vivere ed interpretare il match che segue; ma i ragazzi di Ravotto e Michelotti hanno saputo gestire al meglio, sia il risultato, sia le tantissime situazioni in cui, facilmente, possono saltare i nervi. Stavolta si parte con il 4-3-3 con Garvetto che ritorna sull’out (il sinistro, dall’altra parte c’è Scaringi, uno dei più positivi), Griseri e Cuniberti centrali, Gregorio, Martini e Barbero con in mano le chiavi del centrocampo, davanti Grimaldi e Pipi a sostegno di Jaku. E’ proprio il re dei bomber a sbloccare il risultato dopo 5′: va via dalla sinistra, si accentra, primo tiro ribattuto, secondo piazzato, non lascia scampo a Feta. La rete spacca la partita: l’Olimpic Saluzzo fa una fatica boia a costruire azioni da gol concrete (in pratica non tirerà mai in porta), la Monregale dimostra di aver trovato una quadra per i suoi guai difensivi e non soffre. Dopo un diagonale sballato di Kulli al 25′, occasione per i padroni di casa con Pipi (27′) che in contropiede conclude però alto. Gli ospiti si fanno vedere con una buona combinazione che porta Rinaudo in zona tiro (37′): il suo destro è sballato, diventa un assist per Kulli che segna, ma è evidentemente in fuorigioco e l’arbitro non convalida. Quattro minuti dopo, l’unica chance veramente ghiotta per i ragazzi di Zaino di tutta la partita, ed è un episodio piuttosto casuale: da azione di calcio d’angolo, Griseri sbaglia l’intervento in area, la palla finisce sui piedi di Da Costa che tutto solo spara alle stelle.
Ripresa: al 10′ lancio di Rinaudo innesca centralmente Kulli, il primo tentativo di tiro al volo va a vuoto, la palla rimane lì e sempre Kulli ci prova, ma il tiro è sballato e termina abbondantemente fuori. La partita si incattivisce e si imbruttisce con l’andare dei minuti. Buona chance per i locali al 32′: corner, batte Federico Tomatis, testa di Gregorio da ottima posizione, palla fuori. Risponde subito dopo l’Olimpic con una punizione di Rinaudo che scodella in area per Kulli, girata stilisticamente perfetta, ma diagonale che esce di un bel po’. Negli ultimi 10′ la pressione ospite si intensifica, il freddo anche (ne fa le spese Luca Tomatis, che esce toccandosi la coscia) e proporzionalmente anche gli spazi per i contropiede casalinghi: clamoroso quello del 44′ quando Jaku scarta anche Feta uscito a trequarti, poi calcia verso la porta vuota ma la difesa recupera. Ultimo brivido in uno dei lunghissimi minuti di recupero finale, con girata di Strumia da dentro l’area, ma Prato blocca in tutta tranquillità.
Si arriva al derby prenatalizio in buone condizioni psicologiche. Con l’obiettivo di dare continuità, finalmente, ai risultati.

MONREGALE (4-3-3): Prato; Scaringi, Griseri, Cuniberti, Garvetto; Gregorio, Martini, Barbero (6′ L. Tomatis, 43′ st Del Giacco); Pipi, Grimaldi (29′ st F. Tomatis), Jaku. A disp. Migliardi, Mellano, Maia, Pala. All. Ravotto-Michelotti.
OLIMPIC SALUZZO (5-3-2): Feta; Costa (20′ st Gallo), Telamone, Strumia, Iaconiello, Forgia; Martino, Bonardo (38′ st Bergesio), Rinaudo; Da Costa (24′ st Bordino), Kulli. A disp. Petrushi, Calvetti, Lingua, Martini. All. Zaino.
Arbitro sig. Agù di Pinerolo.
Note: spettatori 35. Ammoniti Griseri, Cuniberti (M) e Kulli (O). Tempo di recupero: pt 0′, st 7′.

Download WordPress Themes
Download Nulled WordPress Themes
Free Download WordPress Themes
Download WordPress Themes
udemy paid course free download
download lava firmware
Download WordPress Themes Free
online free course
×