Settore giovanile: FIGC, riforma per gli allenatori, svolta “professionale” e di qualità

22 Giugno 2018

Calcio dilettantistico che si “professionalizza”. Importanti segnali arrivano dal Settore tecnico della FIGC, che ha promosso una svolta per quanto riguarda le panchine dei Settori giovanili, con obbligo di allenatori abilitati in tutte le categorie giovanili. Le novità introdotte dalla nuova formulazione del Regolamento del Settore Tecnico (attraverso il comunicato ufficiale n. 69) saranno attuate a partire dalla prossima stagione attraverso un percorso graduale per arrivare a regime nella stagione agonistica 2020/2021. «Il principio che ha ispirato questa riforma – commenta il Commissario Straordinario della FIGC Roberto Fabbricini sul sito del Settore tecnico FIGC – è quello di prendersi cura della formazione dei giovani e affidarla ad allenatori preparati e abilitati. Qualificazioni sempre più adeguate alla crescita, non solo tecnica, e allo sviluppo del calcio italiano».

Per allenare le squadre comprese nelle categorie Piccoli amici, Primi calci, Pulcini ed Esordienti (fascia di età 5/12 anni), le società dovranno dotarsi di un allenatore qualificato per ogni categoria a partire dalla stagione 2020/2021. Le squadre Piccoli Amici e Primi Calci potranno essere allenate anche da preparatori atletici abilitati, da laureati in Scienze Motorie o da diplomati ISEF. Fin dalla prossima stagione, inoltre, ogni società che svolga attività in almeno una delle categorie di base dovrà tesserare un Responsabile tecnico con la qualifica di allenatore abilitato dal Settore Tecnico.

Per quanto riguarda le categorie giovanili agonistiche, la conduzione tecnica di tutte le squadre dovrà essere affidata ad un allenatore abilitato dal Settore Tecnico. Per la categoria Giovanissimi Provinciali tale norma scatterà dal 2019/20. Per il campionato giovanile di Lega Pro “Berretti” dalla stagione 2020/2021 ogni società dovrà tesserare un allenatore ‘UEFA A’. Fino a quella data la norma prevede in via transitoria la possibilità di tesserare un allenatore abilitato ‘UEFA B’.

Viene poi istituita la figura dell’Allenatore dei Dilettanti Regionali, che potrà allenare in tutti i campionati dall’Eccellenza alla Juniores Nazionale/Regionale/Provinciale. L’abilitazione si conseguirà frequentando Corsi centrali, regionali o provinciali. Nel campionato Juniores Provinciali l’obbligo di tesserare un allenatore qualificato (‘UEFA B’, ‘Dilettante’ o ‘dei Dilettanti Regionali’) scatterà dalla stagione 2020/21.

Un percorso molto interessante, che sicuramente va a beneficio dei ragazzi del Settore giovanile, che in questo modo hanno garanzie in più sulla qualità del lavoro proposto dalla società che scelgono. Un percorso che la Monregale calcio sta già cercando di portare avanti in anticipo sui tempi: già dalla prossima stagione tutte le squadre agonistiche hanno allenatori patentati, molti allenatori dell’Attività di base hanno un patentino o comunque titoli abilitanti, e diversi istruttori che hanno iniziato da poco il percorso con Monregale stanno frequentando corsi abilitanti o hanno espresso la volontà di farlo nell’immediato futuro.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×