Attività di base: il via il 23 febbraio

14 Febbraio 2019

L’Attività di base della Delegazione provinciale di Cuneo prenderà ufficialmente il via il 23 febbraio. Nei giorni scorsi la segreteria ed il responsabile del Settore giovanile hanno partecipato ad una riunione al Salice di Fossano dove il responsabile FIGC Paolo Marenchino ha illustrato il percorso che si andrà ad intraprendere nelle prossime settimane. I gironi per le categorie Esordienti, Pulcini e Primi calci li vedete pubblicati in calce; si dovrà ancora attendere qualche giorno, invece, per quanto riguarda i calendari.

Novità per quanto riguarda i Pulcini: viene introdotto un gioco “tre contro tre” che precederà la tradizionale attività dei tre tempi da 15’. Si tratta di un ulteriore tempo di 12’ in metà campo a sette, in cui si creano due situazioni di gioco tre contro tre: per chi volesse ulteriori info, è possibile consultare la documentazione in segreteria.

Non cambia invece la filosofia dei raggruppamenti per quanto riguarda i Primi calci: confermati, nonostante più di una perplessità (tra cui anche le nostre) esternate dalle società presenti alle riunioni. Le date: 23 gennaio, 2 marzo, 9 marzo, 16 marzo, 23 marzo, 30 marzo, 6 aprile, 13 aprile 2019. In ogni data si alterneranno le tradizionali partite ai “Giochi di abilità tecnica” (2Vs2; 3Vs2; 4 porte; palla base: anche in questo caso chi fosse interessato alla letteratura sui giochi, è disponibile in segreteria).

Non discutiamo la bontà del progetto ludico-didattico che sta alla base dell’organizzazione dei raggruppamenti: a beneficio di chi legge inseriamo qui di seguito una breve scheda che “spiega” i perché di questa modalità. Insomma, ci fidiamo della Federazione a cui siamo affiliati. Quello che ci mette in difficoltà dal punto di vista societario è soprattutto la logistica. I raggruppamenti, coinvolgendo quattro squadre, moltiplicano i nostri sforzi di gestione campi e spogliatoi, oltre a quelli di coordinamento per l’organizzazione. A questo si aggiungono i mugugni più volte ascoltati in segreteria: i bambini – per bocca delle loro famiglie – ci fanno sapere che questo sistema che obbliga a giocare settimanalmente contro gli stessi avversari, in modo ripetitivo, è fondamentalmente… noioso. Ma tant’è: dalla Delegazione, che ha molto correttamente ascoltato i nostri interventi e le nostre perplessità organizzando il momento di confronto, ci hanno risposto che la linea dettata dalla FIGC è questa, e su questa linea si va avanti. Ci adeguiamo.

L’attività dei Piccoli Amici (fonte: Comunicati ufficiali federali)

L’attività della categoria “Piccoli Amici” è prevalentemente ludico-motoria e deve essere svolta seguendo adeguati principi psicopedagogici con conseguenti metodi tecnico.didattici. Le Delegazioni della LND organizzano, nell’ambito della loro competenza territoriale, sentito il Settore Giovanile Scolastico, manifestazioni periodiche a carattere locale della durata complessiva di almeno tre mesi, a verifica dell’attività didattica svolta dalle società creando ove possibile concentramenti di Scuole calcio con sedi in zone limitrofe.

I momenti di incontro con altre società dovranno prevedere formule composte non solo ed esclusivamente da partite ma anche da giochi e proposte tecniche coinvolgenti che mantengano elevata la motivazione e permettano un graduale apprendimento.

Tutte le proposte e i format di gioco federali sono derivanti (analisi di tecnici FIGC specializzati) da studi psico-motori approfonditi, la realizzazione dei raggruppamenti comporta lo sviluppo delle classiche partite a tempo stabilito ma allo stesso tempo dare la possibilità alle squadre di far confrontare i restanti bambini (non partecipi alla partita) in attività ludico-motorie di confronto, le tempistiche dei “giochi a confronto” sono in relazione ai tempi effettivi di gioco. Poter far esprimere al proprio calciatore la spontaneità e le qualità di affronto e misura contro il proprio avversario nel caso degli shoot out. La proposizione dei giochi deriva anche da workshop, incontri e analisi realizzate presso i CFT del territorio Nazionale, finalizzate sempre a un modello proprio che non si sovrapponga agli esistenti.

ATTIVITA’ DI BASE: TUTTI I GIRONI

ESORDIENTI II ANNO (2006)

GIRONE B: Benese, Monregale, Carrù/Magliano, Bagnasco, Tre Valli, Olmo, Area Calcio, Pedona, Giovanile Centallo, Salice G

ESORDIENTI I ANNO (2007)

GIRONE B: Tre Valli, Val Maira, Azzurra, Bagnasco, Pedona A, Fossano, Monregale, Salice, Trinità.

ESORDIENTI MISTI (2006-2007)

GIRONE B: Ceva, Benenarzole, Monregale, Racconigi.

PULCINI II ANNO (2008)

GIRONE A: Valvermenagna, Auxilium A, Olmo B, ValMaira, Cuneo B, Monregale C, Azzurra, Boves A, Bra A.

GIRONE B: Monregale B; Cuneo A, Caraglio, Pedona, Vallevaraita A, Bisalta, Auxilium B, Saluzzo B, Giovanile Centallo B.

GIRONE D: Marene, Roretese, Savigliano B, Sommarivese, Salice B, Bra B, Atletico Racconigi, Area Calcio Alba Roero, Monregale A, Benenarzole.

PULCINI I ANNO (2009)

GIRONE C: Boves B, Tre Valli, Monregale B, Cuneo B, Ceva, Garessio, Carrù/Magliano, Dogliani, Auxilium B.

GIRONE D: Sommarivese, Savigliano, Saluzzo B, Marene, Fossano, Monregale C, Caramagnese, Accademia Calcio Alba A, Giovanile Centallo B.

GIRONE E: Roretese, Salice, Langa Calcio, Canale, Bra A, AreaCalcio Alba Roero, Racco 86, Monregale A, Savigliano A.

PRIMI CALCI II ANNO 2010

GIRONE D: Dogliani, CarrùMagliano, Tre Valli, Monregale A.

GIRONE E: Monregale B, Ceva, Garessio, Monregale C.

PRIMI CALCI II ANNO 2011

GIRONE E: Ceva, Monregale, Tre Valli, Pedona


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 Monregale Calcio | P.IVA 02402790048
×